Il ruolo dell’editor

By lacortigianadinchiostro
Dicembre 30, 2021

Cari amici librosi,
oggi, che si avvicina il nuovo anno, vorrei parlarvi un po’ dell’editing e più precisamente dell’editor.

Quello dell’editor è un lavoro che in troppi vogliono fare, in troppi tentano senza una vera formazione e, purtroppo, è per colpa di queste persone che la figura dell’editor non è valorizzata e apprezzata. Spesso e volentieri leggo critiche sui prezzi troppo alti per un editing, e ogni volta mi avvilisco. Com’è possibile pensare questo? Com’è possibile sottovalutare l’importanza di un editing? Ebbene, vorrei chiarire un concetto fondamentale: l’editing è un lavoro, un lavoraccio (per la precisione), richiede tempo e il tempo di ogni persona deve essere ripagato. L’editing necessita di attenzione, concentrazione, memoria, curiosità, creatività, riflessione, conoscenza, emotività, empatia. Non può essere svolto in poco tempo, chiunque vi dica questo, è un folle. Bisogna stare attenti a come inserire i giusti commenti e correzioni per non turbare chi li leggerà, l’autore.

Ma oggi, non voglio concentrarmi sull’autore. Questo post è dedicato a noi editor. Noi, che ci consumiamo gli occhi, noi che cerchiamo di consigliare e renderci disponibili, noi che vogliamo solo ed esclusivamente il bene del testo che correggiamo. Perché se il testo che curiamo è apprezzato, siamo contenti, significa che abbiamo aiutato l’autore a esprimersi al meglio.

Questo post è solo un modo, una richiesta lanciata nell’immensità dell’universo Internet, per una semplice speranza per l’anno che sta per sorgere: il rispettare il nostro lavoro. Rispettare i nostri tempi, rispettare le nostre pause. Ricordate sempre che la concentrazione è tutto, ed essere contattati in determinati momenti di stop non è mai un bene per la psiche di chiunque. Perché sì, come noi cerchiamo il più possibile di entrare in punta di piedi nell’interiorità degli autori (perché correggere un libro è come entrare nella mente del nostro cliente), ci meritiamo di avere in cambio la stessa premura. Il rapporto autore-editor dovrebbe essere un reciproco scambio di positività e tantissima pazienza.

Fortunatamente quasi sempre con gli autori si instaura un sentimento bellissimo e si creano amicizie. Tuttavia, le restanti volte, determinati atteggiamenti logorano.

Ecco cosa auguro per il nuovo anno: pazienza reciproca.

Buon anno a tutti voi!

Stefania Marotta

Altri articoli

Più libri più liberi 2023

Più libri più liberi 2023

Più libri più liberi 2023Dal 6 dicembre fino al 10, Roma sarà il cuore pulsante della cultura letteraria con il ritorno della fiera "Più libri più liberi", presso il centro congressi La Nuvola, nel quartiere Eur. Organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE),...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *